• T-shirt da “matti”

    by  • 21 febbraio 2009 • Pensieri e parole, Salute, Solidarietà e sensibilizzazione • 6 Comments

    Un treno speciale li ha portati a Pechino e loro, ognuno con una maglietta bianca e una lettera nera, hanno inviato al mondo intero un messaggio di tolleranza.


    Pechino si sa, e in particolare la Città proibita, non è proprio un luogo di grosse adunate, soprattutto se l’obiettivo dell’adunata è parlare di libertà e discriminazione. Ma questa notizia ne è una felice smentita.
    Il 27 agosto 2007 un treno partito da Mestre ha portato nella capitale cinese 208 persone tra disabili mentali, operatori, familiari e volontari, grazie ad un’iniziativa patrocinata dal Ministero della Salute.
    Lo scopo era quello di portare fino al cuore della Cina, in quel periodo in piena organizzazione Olimpiadi, una testimonianza diretta sul problema del disagio mentale.
    Da “Insieme libera-mente” e “Linking free minds” a “Quel treno speciale per Pechino” e “That special train to Beijing”, tante t-shirt per una buona causa.

     

    6 Responses to T-shirt da “matti”

    1. 24 febbraio 2009 at 13:13

      Che meravìglìa…. sìsìsìsìsì….!!!!!!

      :o)

      Bacì t-shìrtosì bel creatìvone…..!!!!!!

      :o)))))

    2. klauser
      24 febbraio 2009 at 23:01

      Eccomi!

      fantastici i ragazzotti in t-shirt… eh!!!

      Baci :o)))

    3. 25 febbraio 2009 at 09:46

      Fantastìcì ed anche pazìentì….!!!!! Il vìaggetto mìca è corto….!!!!! Ma la passìone e glì ìdealì mìca scemano per le dìstanze… no….?

      Felìce gìornata mìo bel creatìvone e bacì t-shìrtosì a secchìate….!!!!!

      :o)

    4. klauser
      26 febbraio 2009 at 00:47

      Beh…pazienti in tutti i sensi! 🙂

      Battuta idiota a parte, credo tu abbia ragione e poi… pensa la soddisfazione di indossare tutti insieme quelle magliette e di manifestare a Pechino!

    5. 26 febbraio 2009 at 16:00

      Ma seì ìmpazzìto….? Da quando ìn qua ho ragìone…? XD

    6. klauser
      26 febbraio 2009 at 16:30

      Sai come si dice???

      Di chi è la ragione?

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.