• Gli anni Settanta, la disco-music e i lenti prima di tornare a casa

    by  • 6 aprile 2014 • Cultura e spettacolo, Società e costume, Storia della t-shirt, Vintage e storiche • 0 Comments

    Un reperto televisivo interessante. È il 1977 e due giovani presentatori chiudono il programma musicale Piccolo Slam cantando abbracciati la sigla finale Toccami e indossando entrambi una maglia con la scritta “Lo slam” sia davanti che dietro.

    Sono quasi le tre di notte e navigando on-line alla ricerca di informazioni per un altro articolo, trovo questo video. L’anteprima in bianco e nero, due magliette bianche e un volto che sembrava quello di un lontano Sammy Barbot.
    Clicco, guardo e sì è proprio lui e vicino c’è anche Stefania Rotolo, la giovane Stefania scomparsa qualche anno più tardi e ricordata da Renato Zero in questa bellissima canzone.
    Lui invece è il mitico Sammy Barbot, quello dei tanti programmi televisivi ed entrato nella storia della musica leggera “stagionale” italiana con il pezzo intitolato Aria di casa mia. Se non ve lo ricordate o non lo conoscete cliccate sul titolo e lasciatevi andare al fluido suonare delle note.
    Il video dura poco più di tre minuti, non molti ma sufficienti per fare un tuffo nella televisione e nelle magliette di allora.
    Buona visione.

     

    Post correlati:

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *