• Raccontare l’estate con quel tanto di SoleinZucca

    by  • 20 luglio 2015 • Interviste, Marchi e Produzione, Pensieri e parole • 1 Comment

    Fa caldo in questi giorni, molto caldo. Verrebbe voglia di andare al mare, nascondere i piedi dentro la sabbia bagnata dalle onde e rinfrescarsi di vita, lontano dall’asfalto dalla città. Ecco, questo è SoleinZucca nelle parole di Gabriele Coluzzi, un inno all’estate, all’amicizia e alla vita in maniche corte.

    Ciao Gabriele, benvenuto sul Tatuaggio di Stoffa. SoleinZucca è “un’estate d’animo”, così vi raccontate in uno dei vostri messaggi ricorrenti e allora iniziamo proprio da qui: dove nasce questa vostra dichiarazione d’amore per il sole, il caldo e per l’estate in generale?  

    Ciao Claudio, grazie per la tua ospitalità. Il nostro payoff, “un’estate d’animo”, esprime perfettamente quelle sensazioni che solo nella bella stagione si possono provare, quel senso di libertà che solo le temperature alte, i colori vivaci, i profumi estivi possono darti. Chi vive, come noi, questa filosofia è alla ricerca della spensieratezza e, quando è inverno, di un posto caldo dove fuggire, anche se solo per una settimana. Mettere il Sole in Zucca significa essere positivi e, nella maggior parte dei casi, estremi sognatori.

    Pensare prima a qualcosa di bello e subito dopo trasformarlo in maglietta, spesso accade così per chi decide di disegnare magliette. Quando hai capito che SoleinZucca sarebbe diventato un brand di t-shirt?

    Quando nei miei discorsi, i miei amici sentivano la mia passione, un summermood, e la leggevano nei miei occhi. Ero diventato ripetitivo, perciò decisi di dare sfogo a questo mio amore creando dei messaggi da esternare in altro modo.


    Dall’idea iniziale fino alle persone che la indosseranno: qual è il vostro processo creativo e produttivo?

    L’idea nasce ascoltando quella sensazione interiore, quando scatta un piccolo sorriso vuol dire che è quella giusta. Mettiamo su carta, la riproduciamo sui nostri fedelissimi Macintosh ed iniziamo a produrre. Si mandano in stampa i file, le etichette, i cartellini ed il packaging a diversi fornitori. Una volta ricevuti i prodotti finiti procediamo all’assemblaggio in modo artigianale.

    Dagli anni Ottanta la produzione di magliette è aumentata progressivamente fino a diventare oggi, grazie al supporto del web e delle nuove tecnologie, praticamente incontrollabile. Cosa pensi del mercato attuale delle t-shirt?

    Credo che la t-shirt sia un capo intramontabile, l’unico adatto a veicolare messaggi, di ogni tipo. Per la stagione invernale, stiamo producendo una collezione di felpe ma ci piace considerarle delle custodie per le nostre amatissime t-shirt.


    Indossare una maglietta SoleinZucca, quanto aiuta ad avere uno stato d’animo positivo e a sentirsi bene?

    La positività è uno status interiore. Una SoleinZucca ti aiuta ad esprimerlo ed esternare quella gioia che sprizza da tutti i pori (tanto per citare uno dei nostri t-messaggi).

    Quali tecniche di stampa e materiali avete scelto per le vostre t-shirt e quanto sono importanti per voi il principio di qualità e di sostenibilità ambientale?

    Importantissimi. Abbiamo scelto esclusivamente materiali e rifiniture di qualità, e ci assicuriamo che le aziende produttrici abbiano dei principi ecosostenibili. Anche per la stampa, ci affidiamo a prodotti duraturi ed ecologici.

    E per finire la solita domanda difficile. Qual è la tua maglietta nel cassetto?

    La maglietta nel cassetto vedrà la luce tra pochi giorni. Sarà dedicata a delle isole italiane che spesso visitiamo. Vorremmo mantenere il segreto ma faremo un’eccezione per “Il Tatuaggio di Stoffa”, saranno un omaggio a Ponza e Palmarola, ovviamente in stile SoleinZucca.

    Grazie Gabriele per la disponibilità e che sia un’estate piena di “giornate di sole…“.

    Grazie a te, Claudio. Ti auguro tantissime giornate di Sole.

     

    Link utili:
    Sole in zucca Sito, pagina Facebook, Twitter e Instagram

     

    Post correlati:

    One Response to Raccontare l’estate con quel tanto di SoleinZucca

    1. Pingback: Raccontare l’estate con quel tanto di Sol...

    Lascia un Commento

    L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *