• Voglio Voglio Voglio Voglio Voglio Lo Stato Sociale

    by  • 17 febbraio 2018 • Cultura e spettacolo, Marketing e Pubblicità, Pensieri e parole • 0 Comments

    Ci hanno abituato da sempre a performance originali e sul palco dell’Ariston non si sono smentiti. E allora, finito il 68° Festival di Sanremo, non potevo non parlare de Lo Stato Sociale e delle magliette che hanno indossato durante l’intera manifestazione.


    In alto: © Ansa (Fonte: repubblica.it)

    Per me Lo Stato Sociale al Festival di Sanremo già c’era stato. Ero convinto infatti di averli visti in una memorabile esibizione per metà vestiti e per metà in mutande. Ero davvero convinto ma in realtà mi stavo confondendo con il “concertone” del 1° maggio dello scorso anno a Roma. Di seguito è visibile l’intera performance e, a seguire, c’è anche l’esibizione dell’edizione 2015, altrettanto interessante, iniziata con tutti i componenti del gruppo interamente coperti da una calzamaglia nera e proseguita con il cantante che indossava una maglietta dedicata al magazine satirico Lercio.

    Ma alla fine, Alberto “Albi” Cazzola, Francesco “Checco” Draicchio, Lodovico “Lodo” Guenzi, Alberto “Bebo” Guidetti, Enrico “Carota” Roberto, a Sanremo ci sono arrivati sul serio e, seppur tra tante polemiche da parte dei fedelissimi del genere indie, hanno confermato il loro carattere provocatorio e impegnato.
    Coerenti a quel “realismo magico”, come loro stessi lo hanno definito in questa intervista di un anno fa, hanno cantato “Una vita in vacanza”, inno alla leggerezza, scanzonato e a suo modo pungente, accompagnati da una serie di t-shirt, piene di scritte colorate, che hanno indossato a rotazione in tutte le loro esibizioni e che, in effetti, hanno contribuito non poco al successo della loro avventura canora.


    In alto: la versione cantata insieme a Paolo Rossi (anche lui in maglietta) e al Piccolo Coro dell’Antoniano (Fonte: youtube.com)

    Tra quelle viste dal vivo e le altre già stampate, ad oggi c’è una bella collezione di strani messaggi, tutti accomunati dalla parola iniziale “voglio”, capace di enfatizzarne l’intenzione narrativa, andando oltre l’apparente mancanza di senso.
    Così le parole, disegnate a mano, compongono un curioso mix di colori e, allo stesso tempo, un collage spensierato di desideri più o meno irrealizzabili, più o meno improvvisati, di chi ancora di crescere non sembra proprio aver voglia.

    “Voglio diventare grande”
    “Voglio solo limonare”
    “Voglio ma non posso”
    “Voglio diventare grande”
    “Voglio fare la cacca”
    “Voglio una controfigura”
    “Voglio le coccole”
    “Voglio finire l’università”
    “Voglio un sosia”
    “Voglio fare il benzinaio”
    “Voglio un gattino”
    “Voglio essere il tuo ex”
    “Voglio un amico famoso”
    “Voglio un modesto vitalizio”
    “Voglio fare un porno”
    “Voglio mettere la testa a posto”
    “Voglio arrivare penultimo”
    “Voglio fare la suocera”
    “Voglio fare il premier”
    “Voglio andare in prigione”
    “Voglio andare in pensione”
    “Voglio bere con moderazione”
    “Voglio saltare la fila”
    “Voglio dimagrire”
    “Voglio un cocomero”
    “Voglio giocare a bocce”
    “Voglio la luna”


    In alto: 2 febbraio 2012 (Fonte: facebook.com/statosociale)


    Le t-shirt sono state realizzate a Bologna dallo studio The Park in collaborazione con la band, che le indossa da molti anni e che ancora continua ad arricchire la serie con nuovi e imprevedibili sogni.
    E da oggi sono anche in vendita, in una nuova versione con il nome del gruppo accostato alle frasi.
    Le trovate tutte QUI e QUI.


     

    Leggi anche:

    • “Voglio essere il tuo ex”, “Voglio solo limonare”, a Sanremo. “Lo Stato Sociale” indossa le T-shirt di “The Park”, di Bruna Orlandi su aboutbologna.it
    • Abito gessato e maglie personalizzate: a Sanremo spopolano le t-shirt de Lo Stato Sociale, di Valeria Paglionico su donna.fanpage.it
    • Il messaggio vincente de Lo Stato Sociale, su lookdavip.tgcom24.it
    • Sanremo 2018, ecco perché Lo Stato Sociale ha censurato la parolaccia, di Selene Gagliardi su huffingtonpost.it
    • Sanremo 2018, Lo Stato Sociale sul palco con i nomi degli operai di Pomigliano. Che li ringraziano: “Siete coraggiosi”, di Davide Turrini su ilfattoquotidiano.it

     

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *