• Una T-Shirt da un futuro passato

    by  • 28 marzo 2018 • Cultura e spettacolo, Design e Comunicazione, Marketing e Pubblicità • 0 Comments

    Due magliette in una per Ready Player One, il nuovo film di Speven Spielberg. Fantascienza che diventa esperienza nel gioco infinito tra passato e futuro. Mondo reale e realtà virtuale racchiusi in un ricordo, da piegare e portare a casa. Di Alice Meraviglia (Nemoravi)

    Chi ha avuto l’opportunità di partecipare a un’anteprima cinematografica sa che, oltre al privilegio di assistere a una proiezione esclusiva, c’è sempre la possibilità di ricevere un gadget che rappresenti il film. Un oggetto che può essere, a seconda delle intenzioni del marketing, poco, abbastanza o molto celebrativo e, a parte gli action figure (il Funko Pop di Pennywise, regalato all’anteprima di It) o le riproduzioni di oggetti presenti nel film (gli occhiali di Riddick regalati all’anteprima del secondo capitolo della saga, ad esempio), il gadget iconico per eccellenza era, è e resta la T-Shirt. Certo, molto dipende da come viene realizzata: la qualità del tessuto e della stampa possono fare la differenza, ma è importante anche il film che vuole omaggiare. Quando l’oggetto maglietta incontra un film che si preannuncia già come un successo stellare, allora è possibile che il valore iconico del gadget raggiunga il suo apice.

    È quello che è successo per Ready Player One, l’ultima fatica di Steven Spielberg da oggi nella sale italiane, alla cui proiezione stampa gli invitati hanno ricevuto in regalo una t-shirt molto particolare. Si tratta di una maglietta double-face realizzata cucendo insieme due magliette distinte, una grigio scuro e l’altra grigio chiaro, stampate su entrambi i lati con soggetti diversi, in modo che da qualunque lato s’indossi appaia come una t-shirt a sé stante.

    L’idea ha dato luogo a un oggetto di ottima qualità, che ha il sapore degli anni ’80. Anni in cui la tecnologia era un sogno credibile quasi esclusivamente nei film di fantascienza, anni che sono tra i protagonisti di Ready Player One.
    Un film di puro intrattenimento contemporaneo e futurista, dove effetti speciali impensabili trent’anni fa sono talmente reali da scaraventare immediatamente lo spettatore in un mondo virtuale, costruito sull’immaginario pop di quegli anni. Dalla DeLorean a Shining, dalla musica ai videogame, ogni cosa in Oasis, habitat virtuale del film, è un richiamo nostalgico agli anni ’80.

    Quale miglior gadget dunque se non una t-shirt con stampe e disegni tipici di quel periodo? Una scelta old-style, tramite applicazioni con trasferimento a caldo ed effetti di logoramento accelerato, che vuole rappresentare la dicotomia tra reale e virtuale e che, oltre a dichiarare “io ero all’anteprima di Ready Player One”, ci catapulta, come nel film stesso, indietro nel tempo ricordandoci quanto il nostro passato sia una risorsa imprescindibile per costruire e vivere un futuro con i piedi per terra, nella realtà vera.

    Adesso però andate a vedere il film.

    Alice Meraviglia (Nemoravi) per Il Tatuaggio di Stoffa.

     

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.